22/10/2018

Il caricabatterie USB di Xiaomi è un altro accessorio del produttore cinese che è ancora disponibile come gadget, accanto a prodotti tecnici di grandi dimensioni e costosi come smartphone, robot di aspirazione e notebook. Questo hub è dotato di un totale di cinque porte USB-A e una porta USB-C. Noi lo abbiamo messo alla prova per scoprire come funziona e se i collegamenti vanno bene. Se anche voi volete saperne di più su questo gadget di Xiaomi, continuate a leggere la nostra recensione!

 

Caricabatterie USB Xiaomi

disponibile su GearVita a 22,58 € codice sconto: XMUSBFC6 | da GearBest a 26,25€ | da Cafago a 28,19€

Imballaggio, lavorazione e design

Abbiamo ricevuto il caricabatterie USB di Xiaomi in una semplice scatola di cartone. A prima vista si nota che questo gadget più piccolo è in realtà destinato al mercato interno, come molti prodotti di nicchia di Xiaomi. Il nome e le specifiche sulla confezione sono quindi solo in cinese.

 

 

 

All'interno della scatola troverete un cavo di alimentazione C7, un manuale in cinese e l'hub USB stesso. Il cavo fornito con il connettore CN è lo stesso del robot di aspirazione Xiaomi o del ventilatore Xiaomi. Se non si desidera un adattatore per prese, è naturalmente possibile utilizzare un'altra spina per piccoli elettrodomestici C7 con connessione UE.

Il caricabatterie USB Xiaomi è lungo 11 x 8 x 2 cm, è piatto ed è completamente in plastica con un look verniciato bianco.

 

 

 

Purtroppo, la superficie attira molto la polvere. Tutto sommato, l'hub USB di Xiaomi è abbastanza ben elaborato, non ci sono difetti di materiali o altro da criticare.

Connettori dell'hub USB Xiaomi

Come già accennato, l'hub è dotato di un totale di 5 interfacce USB-A e di un'interfaccia USB-C.

 

 

 

Parametri di uscita delle singole porte

Porta USB Potenza di uscita
USB-A (grigia) 5 V/2,4 A
USB-A QC 3.0 (arancione) 5 V/3 A; 9 V/2 A; 12 V/1,5 A
USB-C 5 V/3 A; 9 V/2 A; 12 V/1,5 A

Nel test abbiamo controllato la potenza di uscita con un Xiaomi Mi Mix.

 

La porta QC 3.0 ha un livello di potenza di uscita di 17-18 watt.
Invece una "normale" porta USB-A dispone di solo 7-8 watt

 

La porta USB-C non è purtroppo un'interfaccia Power Delivery. Quindi il tentativo di caricare il Xiaomi Mi Notebook Air con l'hub USB non ha funzionato.

 

 

 

Conclusione

L'hub USB di Xiaomi è generalmente ben elaborato, ha un aspetto elegante e fa quello che dovrebbe. Grazie a una spina standard C7 per piccoli elettrodomestici, il cavo di alimentazione con spina CN inclusa negli accessori può essere facilmente sostituita se si è riluttanti a usare un adattatore.

A parte il design inconfondibile di Xiaomi, il caricabatterie non è migliore rispetto a quello di un altro produttore, e non è particolarmente economico. Quello che personalmente trovo spiacevole è che la porta USB-C non supporta l'alimentazione e quindi può essere utilizzata solo per piccoli dispositivi USB. Poiché l'hub è destinato esclusivamente al mercato cinese, non è dotato del marchio CE.

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)  

Vedi il gadget »  

« Post precedente Post successivo »