08/09/2017

Per quanto riguarda i robot aspirapolvere dalla Cina, finora hanno dominato le case produttrici ILIFE e Xiaomi. Adesso il grande produttore Haier vorrebbe fare parte di questo settore. Poco tempo fa abbiamo già recensito l'Haier XShuai T370. Oggi vi parliamo invece del robot aspirapolvere Haier XShuai HXS-C1 che oltre a una buona prestazione di pulizia dispone di numerose caratteristiche, quali il comando tramite app e la telecamera integrata. Per saperne di più, continuate a leggere la nostra recensione!

Dati tecnici 

  • Volume: 65 dB
  • Batteria: 2200 mAh
  • Tempo di lavoro: 120 Min.
  • Carica: 5 h
  • Contenitore polvere: 0,35 L
  • Dimensioni: 32,0 x 32,0 x 9,5 cm
  • Peso: 2,9 Kg
  • Carratteristiche: controllo con app, telecamera da 2,0 MP, feedback vocale, telecomando, visione notturna

Preparazione del robot 

Chi ha già avuto un robot aspirapolvere, sa che prima è necessario ricaricare il robot alla stazione di carica. Nell'XShuai HXS-C1 si deve anche inserire la batteria prima di iniziare tutto.

In ogni caso nella confezione si trova un piccolo cacciavite. Dopo aver svitato la parte in basso, si collega la batteria da 2200 mAh all'ingresso del cavo.

Poi bisogna riavvitare la parte rimossa, ma ancora non possiamo far partire il nostro robot perché prima bisogna installare la app (vedi dopo).

Confezione 

All'interno della confezione non troviamo nulla di particolare: oltre al robot, ci sono due teste di spazzola da ricambio, un manuale delle istruzioni con brevi indicazioni e un manuale delle istruzioni più approfondito (entrambi in inglese), la stazione di carica insieme al cavo UE, un filtro HEPA da ricambio, un piccolo cacciavite e due panni.

Design e lavorazione

A prima vista l'Haier XShuai HXS-C1 sembra essere un dispositivo di qualità inferiore. Guardandolo meglio, in realtà, si può riconoscere la buona lavorazione, anche se in gran parte in plastica. Aprendo la confezione, si sente l'odore di plastica. Sono i piccoli dettagli a rendere il XShaui HXS-C1 un dispositivo interessante anche dal punto di vista estetico. Mi riferisco non solo alla telecamera disposta in avanti, ma anche ai tasti del volume e all'altoparlante.

Molto interessante è anche che il contenitore per la polvere da 0,35 l è montato in modo fisso, ma si riesce a togliere facilmente. Tuttavia, per quanto il design e la lavorazione, l'ILIFE A6 rimane il mio modello preferito.

È la prima volta che vedo un contenitore della polvere costruito in questo modo. Tramite una sorta di funzione a leva è possibile tirare fuori il coperchio che contiene il filtro HEPA. In questo modo, si può pulire il filtro separatamente dal contenitore e in generale la sporcizia viene divisa meglio.

L'Haier XShuai HXS-C1 presenta il marchio CE nella parte inferiore.

La stazione di carica 

Dopo una carica di circa 5 ore, il XShuai è già carico e pronto all'uso. Con una batteria a circa il 20% il robot si dirige subito alla stazione di carica. Si tratta anche di un'azione necessaria perché il robot, rispetto ad altri modelli, impiega più tempo per raggiungere la stazione di carica.

La stazione di carica è molto elegante, ma non presenta altre funzioni oltre alla carica in sé. Tramite i sensori IR, disposti nella parte anteriore, il robot riesce a riconoscere la stazione di carica. Durante la carica, è consigliabile spegnere il robot. Si può anche ricaricare senza stazione e solo tramite un cavo di carica, ma userei questo procedimento solo in casi estremi.

Va aggiunto anche il fatto che gli aggiornamenti del firmware tramite app avvengono solo alla stazione di carica poiché l'aggiornamento richiede molto uso della batteria.

Performance dell'Haier XShuai HXS-C1 

L'XShuai HXS-C1 lavora con solo una spazzola, il che non necessariamente un aspetto negativo. Per quanto riguarda la potenza, durante il test abbiamo notato che si aggira intorno ai 350 pa: quindi non troppa. Il volume è di 65 dB e quindi non molto forte. È possibile accendere e spegnere il robot tramite gli elementi di comando presenti nella parte superiore del robot.

Trovo un peccato che senza la app non si possa fare molto con il robot. E tra l'altro non essendoci neanche un telecomando, non abbiamo altra scelta.

Huiba: la app del robot aspirapolvere 

Installazione della App 

Il fatto che dopo il download della app sia necessario regestrarsi lo trovo comprensibile. L'unica cosa che non capisco è perché bisogna farlo tramite cellulare. Infatti, inserendo il numero si riceve un Sms con il codice di verifica.

Il funzionamento tramite app va abbastanza bene e senza problemi. È necessario creare una password e scansionare un codice QR per la telecamera. Successivamente, si sente un suono che conferma che la scansione è andata a buon fine. Poi l'utente inserisce il numero di telefono. Dopo averlo collegato al Wi-Fi di casa, è necessario calibrare la telecamera e infine il robot è pronta all'uso.

Controllo tramite App 

Una volta aver collegato il robot alla app, si può vedere la percentuale di batteria rimanente e in che modalità si trova il robot. Digitando una sola volta il pulsante del robot sullo smartphone la vista cambia e si imposta in quella del robot grazie alla telecamera integrata. Emerge subito che la telecamera da 2,0 megapixel va bene per orientare e guidare il robot tramite lo smartphone. Si possono anche scattare foto e postarle sui social network direttamente tramite App.

Il XShuai memorizza l'appartamento ma gira in casa senza un metodo. Riesce però a riconoscere in tempo gli ostacoli, frena prima dei mobili e gira. Di fronte alle pareti dritte decide di impostarsi autonomante nella modalità wall. Il robot è anche in grado di superare ostacoli fino a 2 cm di altezza, come ad esempio i tappeti.

Altre modalità del robot XShuai sono simili a quelle dei modelli ILIFE: Spot per grandi accumuli di sporcizia e la modalità Z-Shaped. Scegliendo la modalità spot, il robot inizia a ruotare intorno a sé in cerchi sempre più grandi. In modalità Z-Shaped si muove per la stanza in modo intelligente, vale a dire pezzo per pezzo invece che in tutti i sensi. Il XShuai è uno dei primi robot che abbiamo testato che pulisce i tappeti per bene. 

La telecamera dell'Haier XShuai 

La caratteristica più interessante, anche se dubbia, è la fotocamera da 2 MP. Purtroppo la risoluzione è così bassa che è difficile riconoscere i bordi dei mobili. Inoltre, non si capisce il motivo della sua presenza. Forse per controllare cosa fa il robot quando si è fuori? Per quello è necessaria una telecamera di sorveglianza.

Inoltre è disponibile una modalità "vista notturna" per poter vedere tramite lo smartphone anche al buio. Non so a cosa serve. A me finora non è venuto nulla in mente. Per di più, non è possibile effettuare riprese video, ma si possono scattare solo foto e screenshot con lo smartphone.

 

Segnali del robot 

Oltre ai segnali acustici, il robot utilizza anche luci LED che si trovano nella parte superiore. Qui una breve spiegazione dei segali:

  • luce bianca lampeggiante continua: nessuna connessione Wi-Fi
  • luce bianca lampeggiante lenta: connessione Wi-Fi stabilita
  • luce bianca continua: trasmissione immagine della fotocamera
  • luce arancione lampeggia: poca batteria
  • luce rossa: errore.

Emissione vocale e comando Alexa 

Tramite l'altoparlante da 2 W montato nella parte superiore il robot emette suoni per informare l'utente della connessione Wi-Fi o per trasmettere i messaggi del possessore. Per altre funzioni, però, l'altoparlante è troppo debole.

Con Alexa di Amazon e altri altoparlanti intelligenti è possibile avviare il robot, fermarlo e pianificarlo tramite comandi vocali.

Conclusione 

Sebbene la pulizia dell'ambiente avvenga senza metodo e la potenza di aspirazione lascia un po' a desiderare, il risultato non è male. L'Haier XShuai HXS-C1 fa comunque un buon lavoro. Inoltre, la gestione degli ostacoli e dei tabbeti è molto buona. Un punto negativo è che il robot non riesca ad analizzare per bene la casa nonostante la app e la fotocamera. La fotocamera così come l'altoparlante sono più dei giochi che vere e proprie utilità. Ho apprezzato molto le diverse mmodalità di pulizia, ma d'altra parte non mi è piaciuto il fatto che non ci fosse un telecomando.

Aspetti positivi:

  • Design e lavorazione
  • Prezzo
  • Gestione di ostacoli e tappeti
  • diverse modalità

Aspetti negativi:

  • non misura gli spazi
  • poca potenza di aspirazione
  • risoluzione debole della fotocamera
  • numerose caratteristiche, ma poco utili
  • inutile senza WiFi

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)

Vedi il gadget »

« Post precedente Post successivo »