25/10/2018

Un design moderno ed elegante e le qualità di uno smartphone outdoor non devono necessariamente escludersi a vicenda. Almeno questo sembra essere il motto del nuovo Ulefone Armor 5, dotato di protezione IP68 e di tecnologia NFC. È una miscela che funziona o è meglio scegliere uno smartphone con caratteristiche diverse? Noi abbiamo deciso di metterlo alla prova per scorpirlo. Se anche voi volete saperne di più sul nuovo Ulefone Armor 5, continuate a leggere la nostra recensione!

Ulefone Armor 5 

disponibile su GearBest per 167,20€ | su TomTop per 170,71€

Dati tecnici

Display: 5,85 pollici 1512 x 720p LCD (286 PPI)

Processore: Helio P23 Octa-Core a 2 GHz e 1,5 GHz

Chip grafico: ARM Mali-G71-MP2 @ 770 MHz

Memoria: 4 GB

Memoria interna: 64 GB eMMC 5.1 (espandibile)

Fotocamera principale: 13 MP + 5 MP con apertura ƒ/2.2.2

Fotocamera frontale: 8 MP con apertura f/2,4

Batteria: 5.000 mAh, ricarica Qi

Connettività: banda LTE 20, 5 GHz WLAN, BT 4.0, GPS, SIM ibrida

Caratteristiche: rilevamento del volto, sensore di impronte digitali, NFC, IP68

Sistema operativo: Android 8.1 (aggiornamento di sicurezza maggio 2018)

Dimensioni/peso: 158,3 x 76 x 12,6 mm / 228 g in blu e nero

Ulefone X con custodia esterna?

A prima vista, il nuovo smartphone si presenta come l'Ulefone X con una custodia per esterni. Naturalmente, ciò è dovuto soprattuto alla tacca nella parte superiore dello schermo. Il confronto è ovvio, dopo tutto, entrambi i display offrono una diagonale di 5,85 pollici e la tacca è altrettanto grande. Anche il bordo inferiore dello schermo ha dimensioni simili all'Ulefone X.

 

Il produttore varia poi il design dello smartphone. Con dimensioni di 158,3 x 76 x 12,6 mm e un peso di 228 g, l'Armor 5 è un po' più ingombrante dello X con le sue dimensioni di 158,3 x 76 x 12,6 mm. Ciò è dovuto naturalmente al design esterno e al grande telaio, realizzato in gomma dura in alto e in basso e in metallo a sinistra e a destra. Gli angoli in gomma offrono una protezione aggiuntiva in caso di caduta. In aggiunta ci sono viti e un pulsante di accensione tratteggiato, che sottolineano il design.

 

Insolitamente per uno smartphone da esterno, la parte posteriore è lucida e ricorda leggermente l'Honor 10 ed è realizzata in vetro acrilico. Non si rompe velocemente come il vetro, ma ha un aspetto chic.

 

Per soddisfare le esigenze per l'esterno, l'Armor 5 offre un grado di protezione IP68. Ciò significa che è a prova di polvere e protetto durante l'immersione permanente a una profondità di 1 m. Inoltre, il display è protetto con Gorilla Glas 4.

Display a tacca con risoluzione debole

Ulefone utilizza una risoluzione dello schermo di 1512 x 720 pixel. Il risultato è una densità di pixel inferiore alla media di 286 PPI, che purtroppo si nota, almeno se si è abituati a schermi con 403 PPI. I caratteri e le icone non sono così nitidi come sugli altri display.

 

Tuttavia, per molti la risoluzione non sarà un problema e si può sempre godere di un display LC luminoso con una buona rappresentazione dei colori. Secondo me, si sarebbe potuto fare a meno della tacca oppure sarebbe stato meglio adattare i software.

Ulefone Armor 5 con hardware standard

Le somiglianze con l'Ulefone X si possono riconoscere anche in termini di hardware. Entrambi gli smartphone sono alimentati dal processore Helio P23 di MediaTek. Il processore a otto core offre una frequenza di clock di 2 GHz ed è molto popolare in questa fascia di prezzo. Può competere con uno Snapdragon 625 di un Xiaomi Mi A2 Lite ed è abbastanza efficiente dal punto di vista energetico. A questo si aggiungono i classici 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna, che possono essere espansi fino a 256 GB tramite microSD.

 

Il sistema funziona senza problemi per le attività quotidiane. Anche i giochi più leggeri funzionano perfettamente, ma con i giochi più impegnativi le impostazioni grafiche devono essere abbassate.

Android 8.1 senza bloatware

L'Armor 5 funziona con Android 8.1 Oreo e un aggiornamento di sicurezza da maggio 2018. L'unica app preinstallata oltre ai servizi di Google è l'Outdoor Toolbox, dove è possibile trovare funzioni quali una bussola, una torcia elettrica, una livella a bolla d'aria, ecc.

Altre caratteristiche aggiuntive includono alcuni shortcut per i sensori di impronte digitali, uno screenshot a tre dita e la possibilità di cambiare i pulsanti di navigazione.

Fotocamera doppia e selfie deboli

La fotocamera non è l'aspetto migliore dell'Ulefone Armor 5. Si tratta di una doppia fotocamera, ma questo non significa molto. Il sensore primario offre una risoluzione di 13 megapixel (interpolata a 16 MP) con diaframma di ƒ/2,4, il sensore secondario offre 5 megapixel.

 

In generale, le foto sono mediocri. I colori spesso non sono naturali e la nitidezza potrebbe essere migliore in molti casi. La modalità HDR di solito permette di ottenere scatti migliori, ma anche a spese del tempo di scatto. La modalità ritratto è purtroppo inutilizzabile.

 

In modalità HDR (a destra) le immagini hanno un aspetto migliore
Modalità ritratto
 

La risoluzione della fotocamera frontale non è particolarmente elevata con 8 megapixel (interpolati a 13 MP). Le foto, purtroppo, sembrano essere state scattate con uno smartphone economico. I colori appaiono sbiaditi e quasi tutte le immagini non sono davvero nitide.

 

Durata della batteria debole nonostante la batteria da 5.000 mAh

Per essere uno smartphone outdoor, la durata della batteria non deve essere troppo breve. Ulefone utilizza una batteria da 5.000 mAh, che supporta anche 10W di ricarica wireless. In realtà, in combinazione con uno schermo 720P e il processore Helio P23, la durata della batteria dovrebbe essere davvero buona. Purtroppo, questo non è il caso, perché l'Armor 5 arriva solo a 8 ore nel test PCMark.

 

 

 

Pertanto, il telefono cellulare deve essere ricollegato alla presa ogni giorno o al più tardi dopo 1 giorno e mezzo, il che è deludente con una batteria così grande. La ricarica richiede tre ore. Con un Qi-Charger il processo di ricarica richiede ancora più tempo, ma penso che sia un positivo che UleFone integri il caricamento wireless qui.

 

 

Buona connettività + Caratteristiche come NFC

Ulefone conosce i suoi clienti in Europa. Di conseguenza, oltre alla banda LTE 1, 3, 7, 7, 8 troviamo anche la banda LTE 20. Per questo ci sono un massimo di due slot Nano-SIM, ma poi si deve fare a meno dell'espansione della memoria. La ricezione nella rete E-Plus è stata buona e non ci sono state interruzioni telefoniche.

 

 

C'è anche il WiFi Dual Band 802.11 a/b/g/n per Internet locale. Bluetooth 4.0 non è l'ultimo standard, ma naturalmente il telefono è dotato di GPS e GLONASS. In questo caso, l'Armor 5 è molto convincente. La caratteristica speciale: l'Ulefone Armor 5 ha un chip NFC, con il quale è possibile utilizzare anche Google Pay.

 

 

 

Anche la porta USB di tipo C sul lato inferiore dimostra che l'Ulephone è relativamente aggiornato nel complesso. Naturalmente, è protetto con un tappo di gomma, proprio come il connettore jack da 3,5 mm sulla parte superiore.

 

 

 

L'Armor 5 è inoltre dotato di un LED di notifica e il sensore di impronte digitali è sul retro al centro. Questo reagisce in modo sufficientemente rapido e affidabile. Anche Face Unlock esiste, ma può essere ingannato con un'immagine e quindi non è raccomandato. Piccola particolarità: l'altoparlante si trova in basso a sinistra del retro e non in basso vicino alla porta USB. 

Breve conclusione del test

Considerando le molte caratteristiche come NFC, grado di protezione IP68, USB tipo C e la grande batteria non vedevo l'ora di testare l'Armor 5. Design, lavorazione, prestazioni e connettività sono convincenti. Il display è ancora ok considerando il prezzo. Tuttavia, ci sono due errori grossolani con un tempo di funzionamento e una fotocamera deboli, che per molti sarà un problema.

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)  

 

Vedi il gadget »  

« Post precedente Post successivo »