05/01/2017

I fitness tracker sono diventati ormai sempre più apprezzati ed economici. Il marchio DT ci ha già fatto buona impressione per altri dispositivi, così abbiamo deciso di dedicarci a un altro suo modello. Sulla base della scheda tecnica, possiamo dire di avere a che fare con un modello che può competere con il Xiaomi Mi Band 2 e altri produttori. In questa recensione vi raccontiamo tutto ciò che siamo riusciti a scoprire sul DT No.1 F1, gli aspetti positivi e negativi, le sue caratteristiche e il prezzo. Continuate a leggere per saperne di più!

dt no.1 f1

Dettagli tecnici

  • Nome: DT No.1 F1
  • Display: 0,91 pollici OLED
  • Connessione: Bluetooth 4.0
  • Supporti: OS Android 4.4 e successivi, iOS 7 e successivi
  • Batteria: 230 mAh, in standby fino a 100 giorni
  • Funzioni: conta passi, monitoraggio del sonno, misurazione polso, sveglia e promemoria messaggi
  • Peso: 18,5 gr (con cinturino)
  • Confezione: fitness tracker + cinturino, cavo USB e manuale utente (inglese/cinese)

Lavorazione e design

Visivamente il dispositivo ci ricorda subito il Xiaomi Mi Band 2: chi si sia ispirato all'uno o all'altro non è ancora chiaro. L'aspetto più importante è che il DT No.1 F1 presenta una lavorazione di ottima qualità. L'aspetto negativo è invece il sensore che si trova nella parte interna dello smart band e che serve a misurare il polso. Questo infatti è un po' troppo sporgente e fa pressione sul polso, diventando così difficile indossarlo a lungo senza dolori. Di conseguenza, la maggior parte dovrà indossare il braccialetto non troppo stretto.

dt no.1 f1

Il sensore interno per la misurazione del polso si illumina di verde quando è attivo, però dà fastidio se lo si indossa per molto tempo.

In ogni caso, è possibile cambiare le dimensioni del cinturino in silicone che così può essere indossato da tutti, sia da persone con il polso sottile che con il polso più grande. Lo smart band, lungo 24 cm e dal peso di 18,5 gr, dispone di una custodia in materiale plastico.

Funzioni del DT No.1

Una caratteristica eccezionale del fitness tracker è il livello di protezione IP68, grazie al quale è possibile immergere il braccialetto in acqua fino a 50 metri di profondità. Noi in ufficio non abbiamo a disposizione nulla che ci permetta di testare la resistenza del dispositivo fino a 50 metri di profondità, ma abbiamo fatto la prova in diversi bicchieri e recipienti d'acqua e possiamo dire che il DT No.1 è riuscito a superare benissimo questa prova. Quindi, questo fitness tracker si può utilzzare, ad esempio, anche quando si va a nuotare.

dt no.1 

Grazie al touchscreen si può navigare attraverso il menù, lo smartband reagisce molto bene ai movimenti. Nel display OLED da 0,91 pollici vengono indicati tutte le caratteristiche più importanti del dispositivo, vale a dire l'ora, il calendario, il conta passi, il conta chilometri e la frequenza cardiaca. In caso di luce  scarsa, il dsiplay è però un po' scuro e non si riesce a laggere bene ciò che è scritto sullo schermo. Questo potrebbe essere fastidioso soprattutto in estate al mare o facendo jogging, ma se il sole non vi batte proprio sopra non è un problema. Il misuratore del polso e della frequenza cardiaca ma anche il conta passi e il conta chilometri non hanno dato alcun problema durante il test.

Grazie a Bluetooth 4.0 il fitness tracker si può collegare allo smartphone. La vibrazione che si riceve dalle notiche dello smartphone è un po' debole. In questo modo, si rischia di non accorgersi delle notifiche (ad esempio la sveglia) se non si ha con sé il celluare. D'altra parte però una vibrazione così debole può avere i suoi vantaggi quando ad esempio si sta tenendo una presentazione in una sala conferenze ;-).

fitness tracker

Grazie al pulsante sul lato destro è possibile accendere e spegnere il fitness tracker

Oltre alle funzioni standard quali il monitoraggio del sonno, il conta calorie o poter fissare degli obiettivi (ad es. 10.000 passi al giorno), c'è un'altra funzione che ci è piaciuta tantissimo. Se si sta per troppo tempo seduti, scatta un allarme che ci ricorda di fare movimento. Si tratta di una idea brillante da parte dei produttori. Come in tutti i fitness tracker, ogni tanto si dovrebbe pulire il display per eliminare le impronte.

App

Tramite la app è possibile rivedere le singole funzioni nonché gli obiettivi dell'utente. I risultati vengono rappresentati poi in diagrammi e statistiche a intervalli più lunghi. La app è realizzata in modo chiaro ed è disponibile sia per Android che per iOS.

Naturalmente, è possibile utilizzare lo smart band anche senza app, ma le notifiche e gli obiettivi scompaiono. Il sensore della frequenza cardiaca mostra sia il battitto attuale sia il valore più basso e quello più alto. Utilizzando il calendario è possibile visualizzare le singole statistiche relative al polso, ai passi rilevati e al resto. La funzione anti lost fa sì che lo smartphone suoni non appena questo sia troppo lontano dal braccialetto. Come tutte le funzioni, è possibile però disattivarla. In generale, la app è fatta molto bene, e si riescono a capire rapidamente tutte le funzioni.

Durata della batteria

Una caratteristica che fa sì che il DT No.1 F1 si distacchi dalla concorrenza è la batteria da 230mAh che ha una durata superiore rispetto a quella del Mi Band 2 (70mAh per ca. 20 giorni in standby). Secondo la scheda dati, la batteria dovrebbe durare fino a due mesi in modalità standby. Tuttavia, come succede per tutti gli smart band, non è possobile sostituire la batteria. 

dt no.1 f1 batteria

Per conettere il dispositivo è disponibile un connettore a 2 pin, che già conosciamo da altri modelli e che non apprezziamo particolarmente. Purtroppo questo cavo è un po' traballante, interrompendo spesso la carica e non è certo una soluzione ottimale come ad esempio il collegamento con un micro USB. In ogni caso, la batteria è il punto forte dello smart band.

Conclusione

Aspetti positivi:

  • Lavorazione
  • Performance
  • Prezzo
  • Durata della batteria

Aspetti negativi:

  • Poco confortevole nell'indossarlo
  • Vibrazione debole

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)

Vai alla pagina del gadget »

« Post precedente Post successivo »