13/09/2017

Le cuffie Hybrid di Xiaomi sono tra le cuffie più apprezzate che vengono prodotte in Cina. Si tratta di cuffie in-ear che convincono non solo per il loro design, ma anche per le prestazioni e il prezzo. Noi le abbiamo testate per un periodo piuttosto lungo, circa quattro mesi, per scopirire le loro caratteristiche e individuare le loro potenzialità anche dopo tanto tempo. Curiosi di scoprirle? Se anche voi volete saperne di più sulle cuffie Xiaomi Mi IV Hybrid, continuate a leggere la nostra recensione!

Dati tecnici

  • Lunghezza del cavo: 125 cm, jack dorato da 3,5 mm
  • Sensibilità: 101dB,
  • Impedenza: 32Ω
  • Frequenza: 20-20.000 Hz

Design 

Il design riprende molto quello delle Xiaomi Pistons. Tuttavia, l'alloggiamento in lega di metallo è da migliorare.

Per quanto riguarda le imbottiture degli auricolari, ci sono 3 set di diverse dimensioni. Dopo circa un mese, si continuano a indossare comodamente e sembrano come nuove. Anche in inverno si possono benissimo mettere sotto un cappello.

Tecnologia ibrida

Il motivo per cui Xiaomi definisce le Mi4 IV come "Hybrid" sta nella combinazione di driver BA (Balanced Armature) e driver dinamici. I driver BA per lungo tempo sono stati uno dei motivi alla base dei prezzi più alti di cuffie, perché sono piccoli, leggeri e ben combinabili. Lo svantaggio è che non comprimono l'aria esterna per via della loro struttura. Per far fronte a ciò nelle Mi4 VI è stato montato anche un driver dinamico.

Questa tecnologia ibrida non è di certo un'invenzione di Xiaomi, ma cuffie simili costano molto di più.

Inoltre, la qualità del suono è molto buona. Sebbene non apprezzi molto gli auricolari per la loro mancanza di comodità, devo ammettere che queste sono estremamente comode e aderisocno benissimo all'orecchio. 

Qualità del suono 

Il suono è una vera potenza e le frequenze singole emergono per una precisione incredibile. Sembra quasi di stare seduti in una stanza insonorizzata e non si sentono scricchiolii o rimbombi.

Sia che si ascolti musica in mediocre qualità MP3 o suoni 3D da un CD, con le Mi4 è tutto perfetto. Anche un semplice test della frequenza si sente benissimo. Convincono inoltre per i bassi buoni ma non troppo dominanti. 

Dopo averle usate per un mese in modo intenso, il suono continua ad avere la stessa qualità. Non direi che il suono è migliorato, ma per il prezzo che ho pagato non ho mai avuto cuffie di qualità simile.

Il microfono supporta Android e iOS 

Il microfono funziona sia con Android sia con iOS, solo i controlli del volume non funzionano con iOS. Le voci vengono trasmesse in modo chiaro e pulito e i rumori circostanti sono eliminati. Durante le telefonate, però, si sente la propria voce (il che dà un po' fastidio), ma in generale la qualità della chiamata è buona. Il microfono è in alluminio spazzolato.

Purtroppo il microfono non è proprio così convincente, la qualità della conversazione lascia un po' a desiderare. Si deve parlare direttamente al microfono, ma poi si sente la propria voce. Inoltre, l'alluminio spazzolato trasmette suoni "interessanti" se vi si passa vicino ad esempio con la cerniera di una giacca.

Molto interessante è il rivestimenti in Kevlar che allunga la tenuta. Si tratta di un rivestimento ondulato con un bell'aspetto e che assorbe molti rumori. Tuttavia il rivestimento non rende il cavo migliore. Dal punto di vista estetico è carino, ma continua ad attorcigliarsi e nella struttura spuntano spesso dei nodini.

Grazie al codice QR nella presa si può vedere se si tratta di un prodotto originale Xiaomi.

Confezione carina anche come regalo 

La confezione è molto elegante e convincente. 

Le istruzioni sono purtroppo solo in cinese, ma in ogni caso le cuffie sono molto intuitive. Le Mi4 di Xiaomi sono le cuffie migliori che abbiamo testato finora e ottimi successori delle Piston V3. Se però puntate più su una cuffia con un buon microfono, allora sarebbe meglio preferire un altro modello. Per quanto riguarda la musica e la qualità del suono, non c'è alcun motivo per cui non si dovrebbero prendere queste cuffie.

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)

Vedi il gadget »

 

« Post precedente Post successivo »