Notice! Do you want to check out our English website?
10/05/2017

Ultimamente non abbiamo più parlato di droni e quadricotteri. Oggi perciò abbiamo deciso di presentarvi il risultato del nostro test: in questa recensione vi parliamo del Cheerson CX-60. Il modello ci è arrivato direttamente in doppia confezione e presenta un livello nuovo per quanto riguarda il settore dei droni: grazie ai trasmettitori e ai ricevitori a infrarossi due droni possono combattere virtualmente. Se anche voi siete curiosi di scoprire come funzionano, continuate a leggere la nostra recensione!

Dati tecnici

  • Nome: Cheerson CX-60
  • Dimensioni: 15,5 x 15,5 x 6 cm
  • Peso: 225 gr
  • Batteria: 350 mAh; sostituibile
  • Durata di volo: 5 minuti
  • Tempo di carica: 80 minnuti
  • Caratteristiche: comando via app, duello via infrarossi, controllo automatico dell'altezza

Battaglie aeree epiche o noiose?

In questo video Geekbuying e Cheerson presentano i droni in modo estremamente spettacolare con armi laser. L'esperienza reale di volo tuttavia non è proprio come quella del video. Ma non è forse il sogno di ogni ragazzo:

Spettacolare, vero? Ma cerchiamo di considerare realmente i fatti. Si tratta di un quadricottero di media grandezza con un design che ricorda un po' quello di una barca. Si comanda solo tramite app, qui è possibile anche un comando tramite il sensore giroscopio del cellulare, vale a dire che si comanda inclinando lo smartphone; il CX-60 mantiene l'altezza autonomamente e non c'è una videocamera.

La batteria da 350mAh è nella media e la durata di volo di circa 5 minuti è piuttosto bassa. In generale, sembra essere un quadricottero con valori normali che però non giustificano il prezzo. Quindi arriviamo alla caratteristica più importante del Cheerson CX-60: il duello con un altro drone.

Ciò che viene rappresentato in modo spettacolare nel video è possibile nella realtà grazie agli infrarossi. Grazie all'app ("CX-60", per Android e iOS), è possibile scegliere diversi attacchi e "colpire" quindi l'aversario. Il trasmettitore che funge da cannone si trova nella parte frontale del velivolo, il ricevitore in alto al centro. Un indicatore sul retro e nella app ci informa dei punti vitali rimasti.

Il test estremo 

Siamo stati molto soddisfatti di questo test, e anche se la realtà non è stata quella del video promozionale, ci siamo divertiti molto. Entrambi i Cheerson CX-60 si sono un po' danneggiati perché il nostro modo di volare è stato un po' estremo. 

L'app: un mini gioco a sé 

Per iniziare non bisogna fare nulla se non installare la app, accendere i droni, collegare lo smartphone al Wi-Fi e avviare la app. La prima volta questa richiede di creare un profilo utente per il quale non sono necessari né una connessione internet né un indirizzo e-mail. In questo modo vengono registrati i progressi nel gioco; è possibile inoltre acquistare ulteriori capacità per il drone tramite le monete d'oro del gioco stesso. Premendo il pulsante si può quindi rigenerare i propri punti vitali o paralizzare il comando dell'avversario tramite un'arma speciale.

C'è una modalità giocatore singolo, in cui sono disattivate le abilità speciali e l'indicatore vitale. Il comando corrisponde a quello di qualsiasi altro drone, a parte i tre tasti per i cannoni infrarossi e le armi speciali.

Il trucchetto dei soldi

Normalmente si ricevono piccole somme per i duelli affrontati, ma anche effettuando l'accesso ogni giorno. In questo modo però ci possono volere tanti giorni o settimane prima che tutte le abilità siano sbloccate. Una possibilità per accelerare sarebbe quella di cambiare per un breve periodo il calendario interno del cellulare e quindi raccogliere i vari bonus del login per molti giorni. In questo modo potete sbloccare già da subito tante funzioni e rendere il duello ancora più interessante.

La battaglia aerea

Quanto detto finora sembra interessante, ma lo diventa sempre più iniziando. Vi consigliamo di volare utilizzando il comando a inclinazione del cellulare piuttosto che lo stick destro. 

Per tutto il resto non c'è un manuale, ognuno deve scoprire da sé la modalità preferita di volo. Dopo ogni colpo, le armi necessitano di un paio di secondi prima di riuscire a sparare di nuovo. Se si è colpiti, lo smartphone vibra ed emette effetti sonori; se l'indicatore dei punti vitali di un drone è vuoto, questo barcolla lentamente e il vincitore può esultare.

Infrarossi vs. luce solare

Abbiamo notato purtroppo che i sensori infrarossi funzionano peggio all'aperto. I droni riescono a volare bene sia all'interno che all'esterno, ma gli obiettivi devono essere a distanza ravvicinata. Per questo motivo vi consigliamo di utilizzare i droni in un ambiente interno.

Nel nostro caso siamo arrivati fino al terzo round perché si arrivava spesso a scontri e cadute, dovute al nostro stile di volo molto audace (e secondo noi più interessate). I due droni comunque hanno resistito abbastanza bene. I droni hanno "potato" le piante del nostro ufficio e si sono scontrati tra loro e contro le pareti. Solo una volta abbiamo dovuto avvitare uno dei due e fissare un cavo, ma in generale la qualità del volo non è cambiata. Per quanto riguarda l'aspetto esterno i due droni hanno subito qualche danno, e la plastica esterna e rigida non è adatta a un trattamento simile.

In ogni caso se siete sicuri di aver abbastanza spazio ed evitate gli scontri, i duelli avvengono in modo regolare e divertono comunque. E la cosa interessante da sapere è che uno scontro non implica necessariamente la fine del duello. 

Conclusione

Siamo rimasto molto soddisfatti del Cheerson CX-60 e in un certo modo abbiamo realizzato un sogno da bambini, perché se in passato gli aerei-giocattoli si scontravano solo nella fantasia, adesso è possibile anche nella realtà. Il comando tramite smartphone non è proprio l'ideale e ruotare il drone è un po' difficoltoso. Inoltre la batteria dura troppo poco. A parte questi due punti, i duelli sono davvero fantastici. La questione prezzo è un po' spinosa perché non tutti sono disposti a pagre più di 70€ per i due droni e sicuramente si devono valutare molti aspetti, ma nel nostro caso possiamo dire che ne è valsa sicuramente la pena!

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-)

Vedi il gadget »

« Post precedente Post successivo »