31/12/2018

Con gli auricolari Xiaomi AirDots, il produttore cinese ha impiegato un bel po' di tempo. Due anni dopo l'uscita degli auricolari AirPods di Apple, Xiaomi ha immesso sul mercato la propria versione di auricolari in-ear. L'adozione del design con tacca per smartphone, invece, ha richiesto solo pochi mesi. Curiosi di scoprire se questo tempo in più ha giovato alle funzinalità degli auricolari, abbiamo deciso di testarli. Se anche voi volete saperne di più, continuate a leggere la nostra recensione!

Xiaomi AirDots Youth Edition

disponibili su AliExpress a 44,36€ | su GearBest a 66,27€ | su Banggood per 69,32€

Imballaggio e volume di fornitura

Gli AirDots arrivano in una semplice scatola di cartone bianco. Gli AirDots e la base di ricarica sono mostrati nella parte anteriore. Sul retro si trovano tutti i dati tecnici delle cuffie, purtroppo tutto è in cinese, così come il manuale di istruzioni - per il momento gli AirDot non sembrano essere destinati al mercato globale.

 

 

 

Oltre al manuale d'uso cinese, sono inclusi cuscinetti auricolari in tre diverse dimensioni, un cavo di ricarica micro-USB molto corto e, naturalmente, le cuffie con supporto di ricarica.

Design e lavorazione

Il design di Xiaomi AirDots Youth Edition è stato probabilmente sviluppato insieme a quello di Xiaomi Mini Bluetooth Headset. Entrambe le cuffie hanno esattamente le stesse dimensioni dell'alloggiamento di 23 x 14,5 x 13 mm e un peso di 4,5 g per ascoltatore.

 

 

 

La base di ricarica degli AirDots misura 62 x 41,5 x 26 mm e pesa 29,6 g. Insieme, il ricevitore e la base di ricarica pesano 38,6 g, abbastanza leggeri se si confrontano gli AirDots con l'Anker Soundcore Liberty Air.

 

 

 

Gli Xiaomi AirDots Youth Edition sono disponibili solo in bianco. Nel complesso, le cuffie non avrebbero potuto essere progettate in modo più semplice. La forma e il materiale utilizzato per la piccola base di ricarica sono simili a quelli dello stesso Xiaomi AirDot.

 

Il logo Mi è molto piccolo e discreto sul coperchio, ma a seconda dell'angolo di visione della ciotola, è quasi invisibile.

 

 

 

Come al solito da Xiaomi, non c'è nulla di cui lamentarsi nella qualità della lavorazione e dei materiali. Gli AirDots sono costituiti interamente da una plastica leggera ma di alta qualità, che dà un'impressione sia chic che sportiva.

Il suono di Xiaomi AirDots Youth Edition

Gli Xiaomi AirDots Youth Edition presentano un driver dinamico con un diametro di 7,2 mm. Purtroppo il produttore non ha dato spazio a un driver BA, come con la serie Xiaomi Piston Pro.

Le cuffie hanno un suono piacevolmente equilibrato. Per un singolo driver dinamico, gli AirDots nella gamma alta e media sono più forti di quanto mi sarei aspettato.

 

 

 

Soprattutto nella gamma delle alte frequenze, molte cuffie economiche non sono buone come gli AirDot. La gamma media, invece, è un po' più ovattata, ma si adatta bene al suono complessivo. Anche se hanno una buona frequenza bassa che si fonde bene nel suono, è molto meno dominante rispetto, ad esempio, alle Mpow Judge

Nel test mi è piaciuto molto il suono degli Xiaomi AirDots Youth Edition. In un confronto diretto con le Piston Pro 2, si può chiaramente sentire che l'Hybrid In-Ear si risolve ancora più precisamente nelle alte frequenze e che alcuni dettagli sono udibili, cosa che il driver dinamico degli AirDots non può realizzare.

Comfort

Con il peso piuttosto basso di 4,5 g per autricolare, gli Xiaomi AirDots Youth Edition sono molto comodi. Durante lo sport, sul tapis roulant, l'auricolare wireless è rimasto saldo in posizione.

 

 

 

L'inserimento degli AirDots è leggermente fastidioso, in quanto i touch panel si estendono su tutto il lato posteriore.

Funzioni del touchpad

Come già accennato, sul retro di ogni auricolare è integrato un pannello tattile, in modo che per il funzionamento sia necessario solo un leggero tocco. Purtroppo, né il volume né il titolo possono essere regolati tramite l'auricolare. Quasi tutti gli altri apparecchi wireless in-ear possono fare di più. Almeno i comandi funzionano sia su Android che su iOS.

Panoramica delle funzioni

A destra o a sinistra 1 tocco 2 tocchi
Ascoltare musica Play/pausa Avviare l'assistente vocale
Telefonare Rispondere/terminare le chiamate Silenziare il microfono

Accoppiamento e portata Bluetooth

Anche gli Xiaomi AirDots Youth Edition sono dotati di Bluetooth 5. Una volta estratti dalla scatola di ricarica, si accendono automaticamente e si accoppiano. Non appena il processo è completato, viene indicato da un suono.

Entrambi gli auricolari vengono quindi visualizzati come un unico dispositivo Bluetooth, ma possono anche essere abbinati allo smartphone come cuffie mono. Nella base di ricarica si spengono automaticamente. Una volta che gli AirDot sono collegati allo smartphone, si connettono automaticamente all'ultimo smartphone usato.

 

Headset

Se entrambi i portatili sono collegati, Xiaomi AirDots Youth Edition può essere utilizzato come cuffia stereo. Durante le chiamate di prova la qualità audio è stata molto buona. Le cuffie wireless in-ear sono quindi adatti anche come cuffia auricolare. Per conversazioni più lunghe, specialmente per quelle che si svolgono all'aperto, non userei gli AirDot.

Durata della batteria

Xiaomi non brilla di più con la durata della batteria rispetto ad altri produttori. Ogni auricolare contiene una batteria ricaricabile da 40 mAh, la base di ricarica contiene un'ulteriore batteria ricaricabile da 300 mAh.

Nel test ho potuto ascoltare musica per circa 3,5 ore a un volume del 50%-70%. Niente male. L'intero processo di ricarica nella base ha richiesto circa 40 minuti. In totale, la scatola della batteria può essere utilizzata per caricare completamente tre auricolari.

 

Anche se Xiaomi ora utilizza quasi completamente l'USB-C per i propri smartphone, gli AirDots hanno di nuovo una porta di ricarica micro-USB.

Conclusione

Durante il test mi sono piaciuti molto gli auricolari Xiaomi AirDots Youth Edition. Le cuffie sono, come al solito di Xiaomi, ben fatte nel complesso e mi piace molto anche il design! Come previsto, gli auricolari in-ear senza fili non riescono a stare al passo con gli auricolari in-ear ibride cablate come i Piston Pro 2. Tutto sommato il suono ha un buon equilibrio ed è divertente ascoltare la musica.

Tuttavia, avrei voluto avere diverse opzioni operative con il pannello tattile integrato. Almeno la possibilità di scegliere il prossimo titolo mi avrebbe reso più felice. Lo standard micro-USB non è molto attuale, ma si può ancora trascurare.

Il prezzo degli Xiaomi AirDots Youth Edition è notevolmente inferiore rispetto a quello degli Anker, Mobvoi o Crazybaby e offrono un suono altrettanto buono.

Vi è piaciuto questo articolo? Seguiteci anche su Facebook per non perdere gli ultimi articoli di PandaCheck! ;-) 

Vedi il gadget » 

« Post precedente